sabato 7 agosto 2010

I miei temi:

2 marzo 2009
I miei temi: Resistenza Italiana (3°anno)
In un periodo così triste e così cupo per gli italiani,come quello della seconda guerra mondiale(la più grande guerra della storia),una pagina importante fu quella scritta dai partigiani. Nel 1943 ebbe inizio in Italia la Resistenza,un movimento di liberazione formato da volontari,uomini di tutte le classi sociali,insofferenti della dittatura,che scelsero la strada difficile della lotta clandestina,con mezzi improvvisati, e con la volontà di riportare il nostro Paese alla libertà e alla democrazia. All'inizio della Resistenza i partigiani erano poche migliaia,i primi nuclei si formarono nel 1943,l'anno della crisi del regime fascista e del grande sciopero operaio di marzo.
Alla fine della guerra,verso il 1945,se ne contarono 200.000,invece 45.000 morirono in combattimento.
I partigiani ricevevano incoraggiamento dai messaggi radiofonici, dei capi dei governi in esilio a Londra,o dalla stampa clandestina.
A comandare i partigiani erano: Ferruccio Parri, (uno dei fondatori del Partito d'Azione),il comunista Luigi Longo e Raffaele Cadorna(generale dell'esercito).
I gruppi di Resistenza presero sempre più forza nelle zone d'Europa ancora occupate dai nazisti,anche se la risposta tedesca agli attacchi partigiani fu terribile,perchè per rappresaglia,cioè,per vendicarsi delle azioni subite,il comando tedesco diede ordine di compiere orrende stragi fra la popolazione,soprattutto presso Roma.
A Roma il 24 marzo del 1944 i partigiani compirono un attentato contro un plotone tedesco,uccidendo 32 soldati.
Purtroppo,da parte dei nazisti ci furono cattura e fucilazione di ostaggi,massacri della popolazione civile di interi villaggi,torture,incendi,ecc...
Morirono 335 innocenti,e tutto ciò viene oggi ricordato come la strage delle fosse ardeatine.
Finalmente il 25 aprile del 1945 l'armata anglo-americana(gli alleati)fra l'entusiasmo della gente,giunse a liberare le città dell'Italia settentrionale,come Milano,Genova,e altre.
Il 25 aprile fu la data scelta come festa della Liberazione.
Mussolini,travestito da soldato tedesco,cercò di fuggire in Germania ma fu catturato (insieme alla sua amante Claretta Petacci),dai partigiani.
Entrambi vennero fucilati il 28 aprile del 1945,e i due cadaveri furono esposti a Milano a piazzale Loreto,dove erano stati fucilati 15 antifascisti.
A gran parte degli uomini della Resistenza venne affidata la ricostruzione politica e morale del nostro Paese.

Nessun commento:

Posta un commento