sabato 7 agosto 2010

I miei temi:

(marzo 2009)
I miei temi: Differenza tra comico e umorismo.
In realtà comicità e umorismo,pur essendo molto diverse,sono sempre figlie dello stesso padre che è la capacità di suscitare divertimento,sebbene con diverse sfaccettature,contenuti e motivazioni.
L'umorismo serve a strappare la risata,a creare divertimento,vive e si nutre di situazioni assurde,bizzarre,fuori dal comune,e ha origine quando l'azione esce fuori dagli schemi standard dell'usuale,creando divertimento. Può essere sufficiente una barzelletta,purchè metta in risalto in assoluto il ridicolo, perché ridere del ridicolo ridere cioè di gusto per tutto ciò che ci appare inconsueto,è anche uno strumento terapeutico,che ci permette di affrontare il quotidiano nel modo migliore.
Ma se l'umorismo è l'interpretazione distorta del quotidiano vivere,la comicità è il suo involucro.
La comicità è la caratteristica di un comico,di colui,cioè,che muove semplicemente al riso,di colui che ha quel qualcosa in più degli altri.
Però affinché il comico produca il suo effetto è necessaria una certa insensibilità,cioè la capacità di assistere ai drammi della vita e alle piccole disgrazie altrui come spettatori indifferenti, perché se così non fosse non riusciremmo a ridere di una persona che ci ispiri pietà o affetto. Deve quindi intervenire un elemento di teatralità,di immaginazione che ci faccia osservare le vicende altrui come ad uno spettacolo visto dall'alto del nostro palco.


Cos'è per voi?
secondo me se fossimo un pò più "comici "staremmo tutti meglio.
Il comico è colui che favorisce l'equilibrio emotivo,colui che può sicuramente dare "nota"positiva,soprattutto nella nostra società.
Ma affinché ciò avvenga occorrono condizioni psicologiche idonee:la serenità dell'animo,l'accantonamento dei codici etici e logici dominanti,la coscienza comune. Tali condizioni sono necessarie per un comico perché
solo così potrà suscitare quel riso capace di ridurre le tensioni,gli scompensi dell'età infantile e adolescente turbata da stress diversi.
Per quanto riguarda l'umorismo,sento di dire che coglie l'assurdità delle vicende umane,provocando simultaneamente il riso e la pietà,penso che senza l'umorismo l'umanità sarebbe proprio uno squallore completo!Ci vorrebbero più Charlie Chaplin,Olio e Stanlio,il mitico Totò e tanti altri come loro,così tutto andrebbe meglio nel mondo,almeno credo. L'umorismo è uno sciroppo virtuale che va assunto a grandi dosi, cosicché con un sorriso possa curare la nostra emotività devastata dal quotidiano.

Nessun commento:

Posta un commento